The Traveller - A Cosmo Story




C’è qualcuno all’ascolto?

C’è qualcuno che può sentirmi? Ormai sono mesi che registro su questo diario di bordo la mia voce. La mia storia è iniziata quando ho ricevuto la chiamata di emergenza. La sua voce convulsa, il rumore di fondo assordante e poi i suoni delle esplosioni che hanno portato il mio cuore a smettere di battere. Non capivo nulla, solo una cosa mi è stata subito chiara: dovevo agire immediatamente altrimenti l’avrei perso. Avrei perso la sua scia e non sarei più riuscita a ritrovarlo. Nella comunicazione si sentivano le urla dei suoi compagni che, allo stesso suo modo, stavano chiamando casa per avvertire che una pioggia di meteoriti aveva colpito la loro navicella spaziale. Quella navicella spaziale che un anno prima li aveva portati sulla stazione orbitante di Gamide15 per una stagione di estrazione. Un anno era stato un tempo immenso. Non era la prima volta che si allontanavano per un lavoro di estrazione, del resto la compagnia pagava bene per i lavori superiori ai tre mesi. In un anno molte cose potevano capitare, ma ormai tutti pensavamo che fosse finita e invece…


Sono stata molto rapida ad inserire il tracciatore per localizzare la loro navicella. Sono riuscita fin da subito ad agganciare la scia di calore che il loro propulsore stava emettendo, ma ho capito fin da subito che la pioggia di meteoriti che li aveva colpiti li aveva catapultati parecchi gradi cosmici lontano dalla loro orbita regolare.


Ero in sella alla mia motorspace mentre ho perso l’audio e, con il segnale, la sua voce. Tuttavia sono riuscita a rimanere agganciata alla radio scia della sua navicella e ora sono qui che sto viaggiando seguendo proprio quella scia alla ricerca della mia unica ragione di vita. Lo so che è una missione impossibile, ma state certi che non mi fermerò a costo di arrivare ai confini dell’universo conosciuto. Io prima o poi lo raggiungerò.


Ormai vivo in un sogno spazio temporale dove la realtà si mescola con l’irrazionale. Adesso devo attraversare Nebula 45. Il loro spazio astrale è chiuso al traffico veicolare, ma c’è sempre un prezzo per tutto. So che sto attingendo alla nostra scorta finanziaria, quella che deve permetterci di andarcene su qualche stazione quando non potremmo più resistere ad estrarre, ma senza di lui tutto perde di significato e senza di lui non c’è un domani. Nebula 45, rispondete! Sto per attraversare il vostro spazio astrale, sono in missione di salvataggio. Ho bisogno d’interconnettermi alla vostra rete neurale per tracciare una rotta sicura.


Mi è costato troppo, ne hanno approfittato come fanno sempre ma non potevo fare altro, devo fare in fretta, non posso perdere la sua scia.

Ormai ho tracciato una rotta che dovrebbe permettermi di accelerare lungo una direttrice lineare, mi sembra la più veloce e la più sicura.


Sono ormai settimane che sono in sella alla mia motorspace e sento che devo per forza fermarmi in una stazione portuale per cercare di fare rifornimento prima che il motore a propulsione mi lasci. Ho attinto parecchio alla mia scorta finanziaria, ma non ho altra scelta, a questa velocità finirò il carburante molto presto. Mi servono anche delle nuove informazioni sulle rotte possibili e lì ci sono i migliori pirati informatici della galassia.


Purtroppo l’unica stazione su questa rotta è Luna Sex. È lo spazioporto più vicino, farei a meno di attraccarci ma non ho scelta. Su Luna Sex puoi trovare di tutto, ma bisogna riuscire a sopravvivere, devi sempre stare all’erta e io inizio ad essere stanca.


Su Luna Sex ho trovato il carburante, ma è costato più del previsto. Ho anche nuove rotte astrali più lineari, quindi sarò più veloce ma non ho potuto riposare, non posso perdere la scia. La scia è la cosa più importante ed è l’unica cosa che mi lega a lui.


Sono ormai due giorni che vago in fondo a questo punto, non vedo più luci. La rotta che ho comprato su Luna Sex deve essere una fregatura, credo di essere finita dentro ad un buco spazio temporale. Fa freddo, tanto freddo e non c’è una luce. Intorno a me sugli schermi del mio visore, è tutto buio.


Devo pensare ad altro. Il buio mi sta inghiottendo e devo trovare una via di uscita, ma prima non devo cedere alla paura. La mia mente sta andando in blackout, devo resistere, devo pensare a qualcosa dall’altro. Amore, ti sto cercando, ti raggiungerò. Raggiungerò il calore del tuo corpo.

I miei pensieri cercano frammenti del tuo corpo. Le tue mani sul mio corpo. Le tue labbra sulle mie.


Vedo una luce. Sì, ho visto un passaggio. Il buio mi scorre accanto, il freddo si fa meno intenso. Vedo le stelle che cadono come lacrime sui miei occhi, m’indicano una via. Sono di nuovo lungo la tua scia. Ti ho riagganciato e ti sto seguendo.


Viaggio più veloce che posso, intorno a me scorrono veloci i pianeti, le nebulose ma io seguo la tua scia e niente può distrarmi. È un viaggio dentro alla mia mente, dentro la mia anima, dentro al mio cuore. La tua scia riempie la mia speranza. Devo andare più veloce.


Vedo la scia di una cometa, devo raggiungerla e sfruttare la sua potenza che come un treno può farmi accelerare e spingermi fino ai confini dello spazio finché non raggiungerò la tua scia. Correrò all’interno della cometa.


Sono dentro e lo strattone dell’ipervelocitá mi sta scagliando lungo una traiettoria periferica creando una curvatura spazio temporale che mi sta proiettando lungo la scia che stai lasciando. Devo solo fare attenzione a capire quando uscire da questa cometa, altrimenti corro il rischio di finire anch’io sbalzata fuori rotta e chissà dove.


Quando le stelle piangeranno luci mi segnaleranno il giusto momento per uscire per prendere la giusta rotta. Quando ti raggiungerò, torneremo e ammireremo insieme le bellezze della galassia. Sarà il nostro viaggio dell’amore e niente e nessuno potrà impedirci dì tornare a casa.


Sto fluttuando dentro questa cometa: è come volare magicamente da te. Tutt’intorno a me è magia. È la magia del nostro amore e mai potrà svanire.

Ecco, vedo la tua scia, ti ho raggiunto amore mio. Devo uscire dalla cometa.

Tieni duro amore, sono quasi da te.


Ora vedo nitida la tua scia, porta al pianeta degli specchi. Già vedo i suoi riflessi. È il luogo giusto per riabbracciarti. Sarà un abbraccio nella luce. Il nostro amore a quel punto risplenderà per sempre.


Non ti ho trovato. Non eri sul pianeta degli specchi, era solo il riflesso della tua scia che ora vedo ancora illuminata. La seguo perché senza di te mi sento persa nell’oscurità.


Il tempo scorre, ma io non ho paura. Viaggerò nello spazio fino a quando ti troverò. Come un samurai ti cercherò fino alla morte e niente potrà impedirmelo.


Ti cercherò per sempre fino all’ultimo mio respiro.

Ti cercherò fino a quando ti troverò.

Seguirò la tua scia fino a quando ci rincontreremo e insieme diventeremo gli amanti di questa galassia.







The Traveller - A Cosmo Story




Is there anyone listening?

Is there anyone who can hear me? I have been recording my voice in this logbook for months now. My story began when I received the emergency call. His convulsive voice, the deafening background noise and then the sounds of explosions that caused my heart to stop beating. I didn't understand anything, only one thing was immediately clear to me: I had to act immediately or I would lose him. I would have lost his trail and never been able to find him again. In the communication we could hear the screams of his companions who, like him, were calling home to warn that a meteor shower had hit their spacecraft. That spacecraft that a year earlier had taken them to the Gamide15 orbital station for a season of mining. A year had been an immense amount of time. It wasn't the first time they had been away on a mining job, after all, the company paid well for jobs longer than three months. A lot could happen in a year, but by then we all thought it was over and instead....


I was very quick to insert the tracer to locate their ship. I was able to lock on to the heat signature that their thruster was emitting, but I realized early on that the meteor shower that had hit them had catapulted them several cosmic degrees away from their regular orbit.


I was riding my motorspace as I lost audio and, with the signal, his voice. However, I managed to stay hooked to the radio wake of his spacecraft and now here I am traveling following that very wake in search of my only reason for living. I know it is an impossible mission, but rest assured that I will not stop at the cost of reaching the boundaries of the known universe. Sooner or later I will reach it.


By now I live in a space-time dream where reality mixes with the irrational. Now I have to cross Nebula 45. Their astral space is closed to vehicular traffic, but there is always a price for everything. I know I'm tapping into our financial stash, the one that must allow us to leave on some station when we can no longer resist extracting, but without it everything loses meaning and without it there is no tomorrow. Nebula 45, come in! I'm about to cross your astral space, I'm on a rescue mission. I need to interconnect with your neural network to chart a safe course.


It cost me too much, they took advantage of it as they always do but there was nothing else I could do, I have to hurry, I can't lose his trail.

By now I have plotted a course that should allow me to accelerate along a linear route, it seems the fastest and safest.


I've been riding my motorspace for weeks now and I feel that I must stop at a port station to try and refuel before the propulsion engine leaves me. I've been tapping into my financial stash quite a bit, but I have no choice, at this speed I'll run out of fuel very soon. I also need some new information on possible routes and there are some of the best hackers in the galaxy there.


Unfortunately the only station on this route is Luna Sex. It is the closest spaceport, I would do without docking there but I have no choice. On Luna Sex you can find everything, but you have to survive, you always have to be on the alert and I'm starting to get tired.


On Luna Sex I found fuel, but it cost more than I expected. I also have new astral routes that are more linear, so I will be faster but I couldn't rest, I can't lose the wake. The wake is the most important thing and it's the only thing that binds me to it.


I've been wandering around at the bottom of this point for two days now, I can't see any more lights. The route I bought on Luna Sex must be a rip-off, I think I've ended up inside a space-time hole. It's cold, so cold and there's no light. Around me on the screens of my visor, everything is dark.


I have to think about something else. The darkness is engulfing me and I must find a way out, but first I must not give in to fear. My mind is going into blackout, I must resist, I must think of something else. Love, I am looking for you, I will reach out to you. I will reach the warmth of your body.

My thoughts search for fragments of your body. Your hands on my body. Your lips on mine.


I see a light. Yes, I see a passage. The darkness flows past me, the cold becomes less intense. I see the stars falling like tears on my eyes, showing me a way. I am along your trail again. I've hung up and I'm following you.


I travel as fast as I can, around me the planets, the nebulae flow fast but I follow your wake and nothing can distract me. It is a journey inside my mind, inside my soul, inside my heart. Your wake fills my hope. I need to go faster.


I see the wake of a comet, I must reach it and harness its power that like a train can speed me up and push me to the edge of space until I reach your wake. I will run inside the comet.


I'm inside and the tug of hypervelocity is throwing me along a peripheral trajectory creating a space-time curvature that is projecting me along the wake you are leaving. I just have to be careful to understand when to get out of this comet, otherwise I run the risk of ending up thrown off course too and who knows where.


When the stars cry lights will signal me the right time to exit to take the right course. When I catch up with you, we'll come back and admire the beauty of the galaxy together. It will be our journey of love and nothing and no one will be able to stop us from returning home.


I'm floating inside this comet: it's like magically flying from you. All around me is magic. It's the magic of our love and it can never fade away.

There, I see your wake, I have reached you my love. I have to get out of the comet.

Hold on love, I'm almost there.


Now I can see your trail clearly, it leads to the planet of mirrors. I can already see its reflections. It's the right place to embrace you again. It will be an embrace in the light. Our love will then shine forever.


I didn't find you. You weren't on the planet of mirrors, it was only the reflection of your wake that I now see still illuminated. I follow it because without you I feel lost in the darkness.


Time passes, but I am not afraid. I will travel through space until I find you. Like a samurai I will search for you until I die and nothing can stop me.


I will search for you forever until my last breath.

I will search for you until I find you.

I will follow your wake until we meet again and together we will become the lovers of this galaxy.